Cos’è l’Innovation Management?

La trasformazione e la capacità di adattarsi ai cambiamenti sono colonne portanti della realtà economica attuale. Per questa ragione, l’Innovation Management è una funzione estremamente preziosa per i dirigenti di azienda: le decisioni nelle imprese devono essere prese da professionisti specializzati, in grado non solo di prevedere, ma anche di dirigere il cambiamento.

L’Innovation Manager diventa in questo modo un importante motore di crescita della realtà aziendale, trasformandola in realtà competitiva e trainante sul mercato. Le trasformazioni sempre più rapide che si verificano in ambito produttivo riguardano prima di tutto l’internazionalizzazione e la tecnologia.

Saper gestire e governare in modo consapevole e adeguato il trasformarsi degli scenari internazionali e dei mercati è fondamentale per il manager di oggi. Per non parlare poi della tecnologia, che avanza in maniera vertiginosa offrendo ottime prospettive di crescita a chi è in grado di coglierne le opportunità.

Il master in Innovation Management di BBS

BBS – Bologna Business School, legata al prestigioso ateneo bolognese, offre numerosi percorsi formativi di alto livello, pensati per accrescere le competenze dei laureati in materie economiche e gestionali: nel catalogo dell’offerta formativa è presente anche un master in Innovation Management.

In questo percorso di formazione, l’attenzione all’Innovation Management si concentra su meccanica e automazione: il percorso si rivela perciò di particolare interesse per chi lavora da professionista nel mondo della produzione industriale.

Si tratta di un master full time in lingua inglese. Rilascia 72 Crediti Formativi Universitari al termine dell’anno di studio previsto. L’alto livello della didattica e la personalizzazione del percorso – possibile grazie a gruppi di studio ristretti e attività laboratoriale e di project work – fanno di questo master un’eccellente opportunità di specializzazione per i moderni dirigenti di azienda, oltre che per i neolaureati che desiderano maturare competenze importanti per entrare da protagonisti nel mondo del lavoro.

Nel corso del master gli allievi avranno l’opportunità di far maturare le loro capacità di gestione del cambiamento in azienda, in una logica di internazionalizzazione e di progresso tecnologico.

BBS: una scuola per l’innovazione

L’attenzione concreta all’innovazione fa parte della vision di BBS – Bologna Business School – e le competenze di Innovation Management vengono sviluppate nel corso del master grazie a una stretta collaborazione operativa con alcune delle più grandi aziende che operano nell’automazione e nella meccanica avanzata e di precisione.

In questo modo le competenze accademiche del prestigioso ateneo bolognese si coniugano, in modo proficuo, con l’expertise delle aziende coinvolte, per trasmettere agli allievi le conoscenze per operare con successo nella gestione del cambiamento aziendale.

Allo studio del general management e di materie specifiche, il master di BBS affianca momenti in cui gli allievi potranno usufruire delle importanti testimonianze di imprenditori e Innovation Manager già affermati. Saranno proposte poi analisi di casi e attività di laboratorio ben organizzate, utili al fine di mettere in pratica quanto appreso nelle lezioni frontali. Infine, gli studenti avranno l’opportunità di fare 500 ore di interniship presso realtà aziendali locali.

La faculty è internazionale, così come globale è la provenienza degli allievi: un ulteriore elemento di ricchezza per un percorso di formazione di eccellenza assoluta.

Un sistema automatico combatte le zanzare in giardino per te

L’infestazione delle zanzareè un problema che affligge i giardini in estate e che può comportare fastidiose conseguenze per la salute e il benessere delle persone. Per combattere questo fenomeno, oggi è possibile utilizzare unsistema antizanzare automaticoche elimina le zanzare in modo sicuro, offrendo risultati efficaci e duraturi nel tempo.

Antizanzare da giardino iZanz: caratteristiche e utilizzi

In tarda primavera, fino ai primi mesi autunnali, nelle aree verdi si assiste alla diffusione delle zanzare, insetti capaci di provocare pericolose irritazioni cutanee sulla pelle. Si tratta di insetti molto comuni che prolificano nei periodi caldi dell’anno e che attaccano il derma, per nutrirsi di sangue. Le loro punture possono provocareprurito e gonfiore, fino a generare, nei soggetti predisposti, vere e propriereazioni allergiche. In Italia, esistono oltre sessanta specie diverse di zanzare. La più conosciuta è lazanzare tigre, nota per la sua aggressività e capace di trasmettere malattie e virus pericolosi. Effettuare unadisinfestazione periodicadel proprio giardino è fondamentale per proteggere la salute di adulti e bambini e continuare a godere degli spazi verdi in estate. Esistono molti rimedi casalinghi per combattere le zanzare, tuttavia la maggior parte agiscono solo sugli insetti adulti, producendo risultati soltanto per periodi di tempo molto brevi e limitati. Infatti, per eliminare le zanzare in modo definitivo è necessario sopprimere leuovae lelarve, vere responsabili della diffusione massiccia di questi insetti. Per farlo, bisogna utilizzare unsistema antizanzare da esternoautomatizzato, progettato per lo sterminio a lungo termine delle zanzare.

iZanzè unimpianto antizanzare da giardinoche nebulizza nell’aria piccole ma efficaci quantità di insetticida, uccidendo questi fastidiosi insetti e prevenendone la proliferazione. Utilizza ilpiretro naturale, un estratto derivante da un fiore appartenente alla famiglia della

Asteracee, piante efficaci contro le zanzare. Alcuni vantaggi di questa sostanza riguardano la sua capacità di degradarsi all’aria aperta nel giro di poche ore e l’assenza di rilascio di residui nell’ambiente circostante. Inoltre, è del tutto innocua per l’uomo e gli animali. Questo insetticida uccide e allontana le zanzare, creando una vera e propriabarriera protettivaintorno al perimetro del proprio giardino. Ciò è possibile grazie all’utilizzo di tubi dotati diugelli nebulizzatoriche emanano nell’aria l’insetticida naturale, tenendo lontani questi ospiti indesiderati. Questo avviene con l’impiego di quantità minime di piretro. Infatti, iZanz riesce a produrre risultati sorprendenti, attivandosi soltantodue volte al giorno, per appenaun minuto, con un consumo di soli 16 millilitri di piretro. é finalmente possibile direbasta alle zanzare in giardino, col minimo sforzo. Infatti, l’antizanzare da esterno può essere controllato mediante unacentralina elettronica, dove verificare le quantità di insetticida presenti e impostare l’avvio automatico del sistema. In questo modo, il giardino sarà sempre sicuro e protetto, in modo semplice e continuativo.

I vantaggi del sistema antizanzare da esterno

Installare un sistema antizanzare da giardino è il metodo migliore per ottenere una protezione a lungo termine delle proprie aree verdi in estate. Ecco i suoi principalivantaggi:

  • Tiene lontane tutte le specie di zanzare, dalle più comune alle più pericolose, come la zanzara tigre;
  • Permette di dire stop alle zanzare in modo definitivo, senza richiedere particolare impegno e manutenzione;
  • Impiega un’insetticida naturale,innocuo per la salute sia delle persone sia degli animali;
  • Consumo di insetticida fino a dieci volte inferiore, rispetto ad altri prodotti in commercio;
  • Produce risultati a lungo termine, debellando sia le zanzare adulte sia le larve derivanti dalle uova;
  • Antizanzare da esterno a bassissimo impatto ambientale;
  • Controllo rapido e automatizzatomediante centralina;
  • iZanz è un impianto praticamente invisibile. Una volta installato, infatti, si mimetizza con l’ambiente e non altera l’estetica del giardino;- Tiene lontani anche altre tipologie di insetti, come mosche, vespe, tafani e regni; – Sistema antizanzare personalizzabile, in base alle caratteristiche del proprio giardino.

Business intelligence: l’importanza dei software gestionali

La business intelligence è un processo molto importante per qualsiasi realtà aziendale sia nel settore chimico, conciario che nel settore commerciale. In particolare si tratta di un pratico sistema di raccolta dati e di trasformazione di questi in informazioni. Tutte le informazioni raccolte permetteranno di conoscere più a fondo le dinamiche aziendali in particolare quando queste serviranno in importanti processi decisionali in quanto aggiornate e molto precise.

Tutti i dati raccolti attraverso programmi di business intelligence, dovranno essere sempre reperibili e ben organizzati e conservati. Tutto questo meccanismo prevede un’intensa fase di raccolta, validazione ed aggregazione continua dei dati che vengono raccolti. Fase, che non potrà essere realizzata manualmente da una persona fisica data l’enorme quantità di dati da estrarre e gestire allo stesso tempo.

La business intelligence si serve di software applicativi che gestiscono in modo abbastanza dinamico dati dell’azienda riferiti sia all’ambito finanziario che a quello di produzione. A questo punto l’elaborazione dei dati può servire anche per elaborare un piano di business aziendale in cui è importante avere delle previsioni riguardo sia alla produzione che alla redditività.

Nella prima fase dell’importazione dei dati dei vari comparti aziendali, quella più importante, ci si serve di sistemi gestionali efficaci ed efficienti per garantire una migliore riorganizzazione. Nella seconda fase sfruttarli in diverse realtà dell’azienda stessa per cercare di capire ad esempio quali strategie operative mettere in atto. Ma non solo. I dati estrapolati e poi trasformati in informazioni, servono anche per elaborare piani finanziari, analizzare le vendite e controllare l’intera gestione del personale.

Infatti è proprio attraverso la business intelligence che si cerca di fornire risposte molto concrete a tutte le dinamiche presenti in azienda.

Per avere un buon modello di software gestionale è importante rivolgersi ad aziende che fanno questo per mestiere in grado di poter offrire delle piccole e pratiche soluzioni aziendali che si adattano alle più svariate esigenze di gestione. La Jeko Solution è una realtà che vanta pluriennale esperienza nella business intelligence a Vicenza riuscendo a fornire sempre delle soluzioni mirate e concrete per migliorare la propria gestione aziendale con specifici software.

Inoltre il vantaggio di scegliere delle aziende informatiche come questa è quello di avere a disposizione sempre una consultazione da parte del team di professionisti che l’azienda stessa offre. Questi professionisti aiutano le piccole e medio imprese nell’avviare ed implementare in modo corretto tutti i sotware gestionali utilizzati.

Come trasformare il proprio canale Youtube di video in un lavoro redditizio

Il boom degli youtubers, in Italia e non solo, è un fenomeno relativamente recente, soprattutto per quando riguarda il mondo dei videogiochiChi sono gli youtubers di videogames? Prevalentemente ragazzi con un’età compresa tra i 15 ed i 30 anni, che hanno fatto della loro passione un vero e proprio lavoro. Magari hanno iniziato solo per divertimento, con l’obiettivo di condividere con altri gamers esperienze di gioco, trucchi e consigli per determinati videogames. Quando la loro popolarità sulla pagina youtube è iniziata a salire, sono saliti notevolmente anche i loro guadagni. Molti youtubers hanno acquisito fama e successo partendo proprio dalla piattaforma online, arrivando in tv ed addirittura al cinema.

Ne è un esempio Favij, oggi poco più che ventenne che è diventato l’idolo dei ragazzini commentando in tempo reale i videogames a cui gioca. Si stima che Favij abbia un guadagno di circa 150 mila euro all’anno. Altro popolarissimo youtuber è Luca Denaro, meglio conosciuto sul web come “ilvostrocaroDexter”, che iniziò ad avere successo caricando video su videogiochi famosi come Fifa e Call of Duty. Anche i suoi guadagni annuali si aggirano sui 150 mila euro circa. 

É però piuttosto difficile dare un’indicazione chiara e precisa dei guadagni, che variano anche in base ai clic ed alle visualizzazioni e possono anche arrivare agli 800 mila euro annui. Tuttavia è opportuno specificare che questi soldi non entrano tutti nelle tasche degli youtubers, che devono condividerli con le agenzie e lo stesso youtube. Inoltre gli youtubers possono monetizzare parecchio con i video solo se la pagina ottiene il ruolo di partnership, che si conquista solo dopo un tot di visualizzazioni e di iscritti.

A questo punto diamo uno sguardo agli accessori necessari per iniziare questa attività. Per registrare su pc potete utilizzare: Fraps, Dxtory, Bandicam e PlayClaw. Dopo aver registrato le vostre clip, dovete montarle inserendo la vostra voce e gli effetti per rendere il video più accattivante. Per farlo vi consiglio i seguenti software a pagamento: Sony Vegas Pro, Power Director, Final Cut Express, Adobe Premiere Elements e After Effects. Infine come componenti hardware per la registrazione audio dovete procurarvi delle cuffie con microfono ed una tastiera gaming adatta.