Archivi categoria: Dalle regioni

Innovazione in Basilicata

Il presidente della Regione ha sottoscritto oggi a Potenza il contratto di acquisto di alcuni immobili e aree di proprietà del Consorzio Industriale di Potenza da utilizzare come Campus per l’Innovazione.
L’atto è stato stipulato dal notaio Vito Pace e prevede il trasferimento della proprietà alla Regione di un fabbricato su tre livelli con annessa superficie di oltre mille metri/quadrati.
L’acquisto dei cespiti dell’Asi di Tito era già stato deciso lo scorso anno, quando l’ampliamento del raggio di azione delle politiche per l’innovazione impose la individuazione di un’adeguata sede dove sviluppare le attività del Campus del progetto Basilicata Innovazione.
Il Campus consentirà di raggiungere due importanti obiettivi: realizzare una concentrazione delle attività di servizio alla ricerca ed all’innovazione regionale in un luogo dove possa svilupparsi una massa critica di soggetti impegnati nelle attività di mediazione tecnologica, sviluppo di servizi avanzati anche di natura finanziaria, attività di ricerca in condivisione con le istituzioni competenti; realizzare una struttura che abbia anche le caratteristiche dimostrative e simboliche di come possano coesistere il rispetto dell’ambiente e la promozione di sviluppo.
La localizzazione nell’area di Tito esprimeva ed esprime la volontà di porre l’innovazione al centro di una delle più importanti aree industriali regionali.
Individuati i siti dove è teoricamente possibile realizzare il progetto ed effettuata una valutazione di congruità dei valori dei singoli cespiti da parte dell’Agenzia del Territorio, con la Legge Finanziaria, il Consiglio regionale ha autorizzato la Giunta all’acquisto di aree e immobili con un massimale disponibile di 5 milioni di euro.

Alta Tecnologia e innovazione in Toscana

A margine della presentazione del Primo Rapporto 2009 sull’Alta Tecnologia in Toscana, condotto da Unioncamere Toscana e dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, nell’ambito della realizzazione dell’Osservatorio sulle imprese higt-tech della Toscana, Pierfrancesco pacini, Presidente di Unioncamere Toscana, ha così commentato.
“La convenzione con la Scuola Superiore Sant’Anna per la realizzazione dell’Osservatorio nasce dall’esigenza di valutare le reali dimensioni del fenomeno high-tech in Toscana: indagando l’attività tecnologica delle singole imprese in termini di tipologia di prodotto e intensità di ricerca e innovazione, dsponiamo infatti di informazioni aggiornate e complete che vanno ben oltre le consuete statistiche settoriali, sulle quali intendiamo impostare azioni di politica industriale, marketing territoriale ed internazionalizzazione. Le nostre attività di studio su innovazione e trasferimento tecnologico in Toscana si completano dunque dopo le indagini già svolte sui settori della ricerca pubblica e sui centri di trasferimento tecnologico con l’avvio del censimento dell’alta tecnologia in Toscana: il progressivo ampliamento della banca dati delle imprese high tech della Toscana è lo strumento che ci consentirà di pianificare interventi in grado di innescare meccanismi di collaborazione concreta tra imprese e tra imprese e i centri di ricerca. Vorremmo sfatare il mito che le nostre imprese non investono in ricerca e sviluppo e non fatto quindi innovazione tecnologica. Crediamo viceversa che le imprese ad alta tecnologia siano lo stimolo più forte per la crescita economica ed occupazionale del nostro sistema produttivo.”


Bergamo – Innovazioni tecnologiche brevettate di prodotto

La Camera di Commercio di Bergamo mette a disposizione un fondo di € 50.000,00 da erogare sotto forma di premi in denaro alle imprese della provincia che hanno realizzato interventi tecnologicamente innovativi ed utilizzato il brevetto quale strumento di valorizzazione e di protezione della proprietà intellettuale.
Sono concessi fino a 5 premi da € 10.000,00 ciascuno. Qualora i premi assegnati fossero in misura inferiore a cinque, l’entità dei singoli premi potrà essere aumentata in proporzione.
Possono partecipare al concorso le imprese industriali ed artigiane, loro cooperative e consorzi, con sede operativa nella provincia di Bergamo iscritte al Registro delle Imprese di Bergamo, attive ed in regola con il pagamento del diritto camerale annuale che abbiano brevettato innovazioni tecnologiche di prodotto o di processo.
Sono proponibili per il premio:
– prodotti o processi innovativi oggetto di brevetto europeo o PCT concesso dal 1° gennaio 2008;
– domanda di brevetto con rapporto di ricerca dell’EPO pubblicato dal 1° gennaio 2008.
Saranno considerati prioritari i brevetti sviluppati in collaborazione con centri di trasferimento tecnologico, servizi di innovazione di associazioni di categoria, Università o enti pubblici e centri privati di ricerca.
Ogni impresa può presentare più domande che possono essere presentate o inviate all’Ufficio Agevolazioni Economiche della Camera di Commercio, allegando copia di un documento del firmatario. In caso di spedizione telematica o con raccomandata rileva la data di invio.
Il modulo può anche essere compilato a video, firmato digitalmente e inviato all’indirizzo di posta certificata cciaa.bergamo@bg.legalmail.camcom.it
Le domande saranno accettate fino al 31 agosto 2009.
Il modulo di partecipazione e il bando sono scaricabili dal sito camerale.
La Camera di Commercio comunicherà agli organi di stampa i nominativi delle imprese vincitrici e organizzerà una cerimonia pubblica per la premiazione.
Per informazioni: Camera di Commercio I.A.A. di Bergamo – Ufficio Agevolazioni Economiche – Largo Belotti, 16 – 24121 Bergamo – e-mail promo@bg.camcom.it  – tel. 035 4225270 – fax 035 270419.


Mantova innovazione 2009

Il tema dell’ innovazione è un argomento che ha da sempre visto la Camera di Commercio di Mantova impegnata nelle analisi e nelle discussioni di quali forme e politiche debbano essere attuate per favorire la piena realizzazione di un elemento fondamentale per la crescita del sistema economico.
Per questa ragione ieri mattina, nella sala Luna e Nodi di palazzo Andreani, è stato presentato il rapporto “Mantova Innovazione 2009” realizzato con la collaborazione di Sinopsis Lab – Laboratorio di Innovazione e Reti Territoriali e del Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova.
Sono intervenuti il presidente dell’ente Ercole Montanari, Renato Turbinati e Jacopo Caropreso di Sinopsis Lab, il prorettore del Politecnico di Milano – Polo regionale di Mantova Cesare Stevan che ha commentato gli esiti della ricerca, e il vice segretario generale della Camera di Commercio Marco Zanini che si è prodotto in un intervento conclusivo. Ha moderato l’incontro il giornalista Werter Gorni.
“Lo sviluppo competitivo di un’impresa o di un settore industriale è sempre condizionato dal contesto territoriale di riferimento, così come l’evoluzione di una specie biologica dipende dall’ambiente naturale nel quale vive e dalla storia che si lascia alle spalle – ha detto il presidente Montanari -. Il successo di un sistema economico dipende da molti fattori: infrastrutture, servizi, sistema creditizio, sistema educativo e sistema della ricerca. Ogni territorio è dotato di un proprio patrimonio fatto di strutture, competenze, relazioni regole, tradizioni. In un circolo virtuoso, il territorio mette a disposizione le proprie ricchezze, e a sua volta la creazione di valore che l’impresa genera porta linfa per il territorio”.
Il volume è in distribuzione in Camera di Commercio.