Archivi categoria: Incubatori

Innovazione a Bergamo: Progetto incubatore d’impresa

 

Innovazione a  Bergamo : Progetto incubatore d’impresa

La Camera di Commercio informa che giovedì 5 novembre 2009, alle ore 11.00 presso la Sala Giunta della sede camerale in Largo Belotti 16, a Bergamo si terrà una conferenza stampa per presentare i risultati del progetto Incubatore d’Impresa, iniziativa della Camera di Commercio di Bergamo realizzata da Bergamo Formazione per sostenere l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali.
Nel corso della conferenza stampa verrà presentata una pubblicazione che raccoglie le migliori esperienze nate all’interno dell’Incubatore dalla nascita ad oggi. Saranno illustrati i risultati dei servizi realizzati nel corso dell’anno all’interno del Centro Formativo per la Creazione d’Impresa di Bergamo Formazione, che hanno coinvolto un numero crescente di aspiranti e neo imprenditori attraverso la formula dei voucher di consulenza personalizzata.
Saranno presenti i rappresentanti di alcune delle iniziative che si sono sviluppate all’interno dell’Incubatore nel corso dell’ottava annualità del progetto (quindici imprese), appartenenti sia alla sezione generica sia alla sezione tematica dedicata al turismo, che porteranno la testimonianza della loro partecipazione al progetto.


Sarà inoltre presentato il nuovo bando dell’iniziativa (aperto fino al 9 dicembre prossimo), che seleziona idee di impresa e attività imprenditoriali o di lavoro autonomo (avviate da non più di 12 mesi), operanti prevalentemente in attività di servizi. L’obiettivo del progetto è infatti supportare aspiranti e nuovi imprenditori nello startup d’impresa, mettendo a disposizione spazi attrezzati e arredati uso ufficio e un sistema integrato di servizi di assistenza, formazione e consulenza per accompagnarne la progettazione e l’avvio delle nuove iniziative.

Visita il nostro blog dedicato a scuola e supplenze e quello dedicato a banca roma.


Innovazione e imprese. Prossima scadenza Start Cup Milano Lombardia

 

Questo blog parla di  Innovazione, startup

 

Prossima scadenza Start Cup Milano Lombardia

Ti ricordiamo che sta per scadere l’edizione 2009 della Start Cup Milano Lombardia, la business plan competition che favorisce la nascita di nuove imprese ad alto contenuto innovativo.

Se hai un progetto imprenditoriale per lo sviluppo di prodotti o servizi che abbiano prospettive di successo commerciale, puoi inviarci il tuo Business Plan fino al 21 settembre.

Questa è la data entro la quale il materiale deve pervenire alle segreterie organizzative, sia che venga consegnato a mano, sia che venga spedito tramite raccomandata A/R.

I progetti ricevuti oltre il 21 settembre non saranno ammessi al concorso.

Per ogni informazione e per partecipare alla Start Cup Milano Lombardia, scarica dalla sezione Regolamento di questo sito il Regolamento e i documenti per la partecipazione oppure contatta una delle Segreterie Organizzative.


La finale della Start Cup Milano Lombardia si terrà al Politecnico di Milano il 27 ottobre p.v. Una giuria di esperti selezionerà i migliori progetti imprenditoriali e assegnerà premi in denaro (10.000, 7.000 e 5.000 €) e la possibilità di chiedere l’accesso ad uno degli incubatori delle università organizzatrici.

Verranno inoltre assegnati alcuni premi speciali:

Premio speciale Accenture di 5.000 € (Accenture)
Premio speciale alla migliore idea imprenditoriale dell’area lecchese di 4.000 € (Provincia di Lecco, Camera di Commercio di Lecco e Univerlecco)
Premio speciale alla migliore idea imprenditoriale dell’area comasca 4.000 € (Camera di Commercio di Como, Univercomo)
Premio speciale “Bright Future Ideas Award” – Viaggio a Londra e incontri presso la sede di UKTI, premiazione agli UK-Italy Business Awards (British Consulate General and UK Trade & Investment Milan)
Premio Speciale IBM (IBM Italia) – Il progetto imprenditoriale vincitore potrà usufruire gratuitamente, per 2 settimane, dei servizi dell’IBM Innovation Center
I primi cinque classificati parteciperanno inoltre al Premio Nazionale per l’Innovazione 2009 che si terrà a Perugia il 3 e 4 dicembre. In palio, per il vincitore assoluto, 60.000 € offerti da Vodafone Italia, partner strategico dell’iniziativa.

La Start Cup Milano Lombardia è coordinata dall’Acceleratore d’Impresa del Politecnico di Milano e dalla Fondazione Politecnico di Milano e si svolge con il supporto di Comune di Milano, Provincia di Lecco, Camera di Commercio di Lecco, Univerlecco, Camera di Commercio di Como, Univercomo, British Consulate-General Milano e UK Trade & Investment, Accenture e IBM.

www.startcupml.net

Dritte sulla scuola e graduatorie docenti. Dritte bancarie, popolare milano banca e altro


Tossine del mais sotto controllo con un kit rapido prodotto a Trieste

Le fumonisine nel mais rappresentano un serio problema sia per gli agricoltori che per i consumatori. I produttori a causa della contaminazione subiscono ogni anno ingenti danni economici. I cittadini vedono messa a rischio la propria salute vista la cancerogenicità di queste tossine. In particolare, la fumonisina B1 è stata dichiarata cancerogena dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro di Lione ed il consumo di cereali contaminati è probabilmente associato allo sviluppo di cancro all’esofago nell’uomo. Per l’Italia, secondo produttore europeo di mais, con una superficie coltivata di oltre 1.1 milioni di ettari e una produzione che supera i 10 milioni di tonnellate annue (oltre l’80% per mangimi, il resto per uso umano e per l’industria), arginare e prevenire il problema è di grande importanza. Del resto l’Unione Europea ha recentemente emanato dei Regolamenti che fissano limiti massimi di fumonisine per poter commercializzare il mais e gli altri cereali, con una soglia per le farine di mais fissata a 1.4-2 mg/kg (o ppm, parti per milione), che diventa più elevata (varie decine di ppm) per i mangimi.

 La buona notizia è che in AREA Science Park, il parco scientifico di Trieste, Tecna, una società di ricerca e sviluppo specializzata in diagnostica alimentare, ha messo a punto un innovativo kit rapido e di facile utilizzo che permette di quantificare queste tossine naturali (appartenenti al gruppo delle micotossine) in 20 minuti. Il kit ha superato il severo vaglio dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e del Consiglio Superiore per la Ricerca in Agricoltura (CRA). Le condizioni climatiche italiane sono tali da rendere frequente la crescita delle muffa che produce fumonisine ed è quindi necessario controllare rigorosamente i raccolti, misurandone costantemente il grado di contaminazione. Lo sanno bene, in particolare, gli agricoltori della Pianura Padana, dove si concentra oltre il 90% della produzione nazionale. Con un lavoro durato alcuni anni il CRA e l’ISS hanno studiato la diffusione delle fumonisine e verificato che, anche senza disporre dell’HPLC (metodo di riferimento, lento e costoso), i produttori possono essere messi in condizione di effettuare le necessarie analisi. Il kit Celer FUMO sviluppato nei laboratori di ricerca Tecna ha infatti dimostrato, nel corso di un complesso test interlaboratorio, di rispondere ai necessari requisiti di affidabilità e semplicità d’uso, che lo rendono di facile utilizzo anche per chi non è esperto di test analitici. I risultati dei test saranno pubblicati dai Quaderni dell’Accademia dei Georgofili.

www.tecnalab.it


Nasce Techfab, centro di eccellenza del Nord-Ovest in microsistemi e nanotecnologie

Photobucket
 

Si è inaugurato nell’area dell’ex cantiere dell’alta velocità il 20 aprile scorso.

 

Sorge all’uscita di Chivasso Centro (To), sull’autostrada Milano-Torino, utilizza parte dell’insediamento dell’ex cantiere per l’alta velocità Milano-Torino e si estende su circa 6mila mq, di cui 1.800 dedicati agli uffici, ai laboratori, alla produzione e alla logistica industriale. E’ un ulteriore esempio di come in provincia di Torino si possano coniugare politiche infrastrutturali, nuove tecnologie, sostegno alle imprese di eccellenza.

Techfab è uno dei pochi centri di eccellenza dello scenario high tech italiano nato dalla convergenza di esperienze di ricerca accademica e di produzione industriale; dispone di strutture e sistemi produttivi di elevato livello, come i sistemi di Siemens, ed è nato con l’obiettivo di operare come centro di competenza e fabrication facility in affiancamento e a supporto delle imprese e dei centri di ricerca impegnati in processi industriali di innovazione e trasferimento tecnologico nel campo della microelettronica, dei microsistemi e delle nanotecnologie.

Inaugurata ufficialmente il 20 aprile scorso dal Presidente della Provincia Antonio Saitta, dal Presidente di Techfab Marco Maria Camoletto, dal Rettore del Politecnico di Torino Francesco Profumo e dal Sindaco di Chivasso Bruno Matola, l’esperienza di Techfab è uno dei risultati più significativi scaturiti dal piano strategico del Canavese della Provincia di Torino: l’azienda nasce dalla collaborazione
pluriennale tra il Consorzio per il Distretto Tecnologico del Canavese e il Politecnico di Torino con l?obiettivo di tramutare, attraverso servizi mirati alle imprese, un promettente ma costoso progetto
tecnologico in realtà produttiva.

Determinante l’apporto del Comune di Chivasso, che ha permesso l?utilizzo la localizzazione a condizioni
favorevoli, in continuità con l’esperienza che negli anni passati aveva già portato a insediare a Chivasso il laboratorio Chilab del Politecnico. Non a caso nello stesso insediamento la municipalità di Chivasso ha
previsto 5.000 mq per ospitare aziende che possono costituire dei potenziali partner industriali.
“L’azienda sta muovendo i primi passi ed è già riuscita a sviluppare iniziative su tecnologie nuove con oltre una trentina di aziende, non solo locali, ed è stata in grado di offrire forniture specialistiche
anche a primarie istituzioni di ricerca internazionali – ha dichiarato Marco Camoletto, Presidente di Techfab – L’equipe di ingegneri e tecnologi, una decina, tutti giovani, è valutata molto positivamente
sia dai clienti che da organizzazioni private interessate alle startup ad alto potenziale di crescita. Nonostante la crisi, che sentiamo anche noi, contiamo di offrire presto ulteriori capacità di sostegno al
territorio.”


Qui il link al videocomunicato