Archivi categoria: innovazione

Cos’è l’Innovation Management?

La trasformazione e la capacità di adattarsi ai cambiamenti sono colonne portanti della realtà economica attuale. Per questa ragione, l’Innovation Management è una funzione estremamente preziosa per i dirigenti di azienda: le decisioni nelle imprese devono essere prese da professionisti specializzati, in grado non solo di prevedere, ma anche di dirigere il cambiamento.

L’Innovation Manager diventa in questo modo un importante motore di crescita della realtà aziendale, trasformandola in realtà competitiva e trainante sul mercato. Le trasformazioni sempre più rapide che si verificano in ambito produttivo riguardano prima di tutto l’internazionalizzazione e la tecnologia.

Saper gestire e governare in modo consapevole e adeguato il trasformarsi degli scenari internazionali e dei mercati è fondamentale per il manager di oggi. Per non parlare poi della tecnologia, che avanza in maniera vertiginosa offrendo ottime prospettive di crescita a chi è in grado di coglierne le opportunità.

Il master in Innovation Management di BBS

BBS – Bologna Business School, legata al prestigioso ateneo bolognese, offre numerosi percorsi formativi di alto livello, pensati per accrescere le competenze dei laureati in materie economiche e gestionali: nel catalogo dell’offerta formativa è presente anche un master in Innovation Management.

In questo percorso di formazione, l’attenzione all’Innovation Management si concentra su meccanica e automazione: il percorso si rivela perciò di particolare interesse per chi lavora da professionista nel mondo della produzione industriale.

Si tratta di un master full time in lingua inglese. Rilascia 72 Crediti Formativi Universitari al termine dell’anno di studio previsto. L’alto livello della didattica e la personalizzazione del percorso – possibile grazie a gruppi di studio ristretti e attività laboratoriale e di project work – fanno di questo master un’eccellente opportunità di specializzazione per i moderni dirigenti di azienda, oltre che per i neolaureati che desiderano maturare competenze importanti per entrare da protagonisti nel mondo del lavoro.

Nel corso del master gli allievi avranno l’opportunità di far maturare le loro capacità di gestione del cambiamento in azienda, in una logica di internazionalizzazione e di progresso tecnologico.

BBS: una scuola per l’innovazione

L’attenzione concreta all’innovazione fa parte della vision di BBS – Bologna Business School – e le competenze di Innovation Management vengono sviluppate nel corso del master grazie a una stretta collaborazione operativa con alcune delle più grandi aziende che operano nell’automazione e nella meccanica avanzata e di precisione.

In questo modo le competenze accademiche del prestigioso ateneo bolognese si coniugano, in modo proficuo, con l’expertise delle aziende coinvolte, per trasmettere agli allievi le conoscenze per operare con successo nella gestione del cambiamento aziendale.

Allo studio del general management e di materie specifiche, il master di BBS affianca momenti in cui gli allievi potranno usufruire delle importanti testimonianze di imprenditori e Innovation Manager già affermati. Saranno proposte poi analisi di casi e attività di laboratorio ben organizzate, utili al fine di mettere in pratica quanto appreso nelle lezioni frontali. Infine, gli studenti avranno l’opportunità di fare 500 ore di interniship presso realtà aziendali locali.

La faculty è internazionale, così come globale è la provenienza degli allievi: un ulteriore elemento di ricchezza per un percorso di formazione di eccellenza assoluta.

Fotografo di matrimonio: nuovi metodi per trovare nuovi clienti

Il mestiere del fotografo di matrimonio è all’interno del mondo della fotografia uno dei più richiesti. Un fotografo di matrimonio nel 2016 lavora tipicamente attraverso internet, attraverso il proprio sito web specie se ben posizionato, ed attraverso l’iscrizione a portali del settore wedding. Esistono tuttavia tecniche di web marketing capaci di aumentare sensibilmente la possibilità di attrarre clienti. Qui di seguito ne abbiamo riportate 3, tutte attuabili in poco tempo e con una spesa minima.

Un metodo per attrarre nuovi visitatori sul proprio sito e con i giusti meccanismi di chiamata all’azione, può essere rappresentato dal social network Pinterest. Questo social network ancora poco conosciuto in Italia, è invece molto sfruttato all’estero dalle spose che stanno cercando idee da copiare per il proprio matrimonio. Un fotografo di matrimonio potrebbe infatti caricare i suoi scatti su Pinterest ed ottimizzarli adeguatamente attraverso un’accurata scelta delle keyword. Non sarà raro a questo punto che una sposa che cerchi una particolare foto di un bouquet non finisca sul nostro sito. Sarà a questo punto che una call to action altamente persuasiva avrà il compito di convertire quella visita in una auspicata richiesta di informazioni o di preventivi.

Un altro modo che un fotografo di matrimonio ha di farsi conoscere praticamente a costo zero è quello di offrire gratuitamente gli scatti di nozze realizzati a siti che si occupano di wedding planning, meglio ancora siti stranieri che si occupano di organizzazione matrimoni in Italia. Si potrà in questo caso offrire gratuitamente le proprie foto in cambio di un piccolo credit con il proprio sito internet. Sarà la bellezza delle foto in questo caso ad attrarre clienti mentre il link nei credit avrà comunque un effetto anche ai fini seo.

Il terzo trucchetto che andiamo a segnalarmi consiste nel ottenere un contatto da parte di un visitatore in cambio di un contenuto o di una guida informativa. Tipicamente in questo caso si va a predisporre un ebook altamente informativo su un argomento o su una problematica che sta molto a cuore al nostro cliente tipo. Un fotografo di matrimonio potrebbe per esempio offrire un ebook dal titolo “come venire bene nelle foto del matrimonio” ecc… L’utente interessato al vostro contenuto lascerà il suo indirizzo email e riceverà automaticamente tramite un meccanismo di follow up, il contenuto in oggetto. Il contatto ottenuto da parte dell’utente potrà essere poi utilizzato per l’invio di una newsletter contenente informazioni, news ed offerte finalizzate alla richiesta di un preventivo.

Le telecamere di videosorveglianza e la sicurezza che ci possono regalare

 

Ci capita di passeggiare di notte per le strade, guardare per qualche secondo una videocamera, uncurioso occhio elettronico che ci osserva, e capire che non è assolutamente indiscreta ma ci può aiutare, essendo uno straordinario deterrente per i malintenzionati. Una presenza non ingombrante né invasiva perché ci sentiamo protetti in quel momento e in quel preciso luogo.

Ebbene, la tranquillità che ci infonde un sistema di antifurti nei luoghi pubblici può avere la stessa valenza nelle nostre abitazioni; un numero sempre crescente di persone si sta affidando a sistemi di sorveglianza che ci permettono di stare tranquilli proprio dove vogliamo e dobbiamo rilassarci, casa nostra.

Avere degli occhi amici che ci assistono proprio dove la nostra famiglia ha il diritto di sentirsi più sicura, è davvero impagabile. Aggiungiamo che la tecnologia ha davvero fatto passi da gigante in questo settore: videocamere a colori che assicurano immagini assolutamente definite, quelle con i led infrarossi che ci vedono benissimo anche di notte, quelle motorizzate da esterno che assomigliano alla testa di un simpatico robot e quelle con ottica intercambiabile che assicuranoprestazioni impeccabili a livello di risoluzione e di visione notturna.

Insomma, anche i più esigenti e sofisticati non si lamenteranno di immagini sgranate o videocamere enormi e antiestetiche perché sono acqua passata. Ormai si può pretendere davvero molto da questi sistemi avanzati ed efficaci che ci consentono di abbandonare ansie e preoccupazioni che alcune volte percepiamo nei nostri appartamenti.

Potremo tenere sotto controllo le zone più nevralgiche, sia all’interno che all’esterno delle abitazioni e lasciare, fiduciosi, l’ingrato e complesso compito della sorveglianza a telecamere di ultima generazione. Perché, prendendo in prestito e ritoccando un vecchio adagio pubblicitario,sorvegliare è meglio che curare.

Design e innovazione anche a casa

Quanto costa una lavastoviglie? Se siete indecisi se acquistare un modello rispetto ad un altro, vi suggeriamo i prezzi di lavastoviglie a incasso e non relativi ad alcuni modelli tra i più popolari, suddivisi per marche.

 

Il prezzo delle lavastoviglie

 

La lavastoviglie è per molti un elettrodomestico che, da opzionale, diventa necessario, soprattutto quando viene installato all’acquisto di una cucina nuova. Ma se volete comprarne una ex-novo o sostituire quella che già possedete, è bene guardarvi un attimo intorno e fare due calcoli. Una prima differenza di prezzo tra le lavastoviglie sta tra quelle a incasso e quelle a libera installazione.

Poi ci sono prodotti testati e non, marche diverse, ognuna con i propri trascorsi, capacità (numero di coperti), classe energetica (da A a A++), partenza ritardata, opzione mezzo carico, indicatore tempo residuo del ciclo e via discorrendo. In linea di massima, possiamo dire che il prezzo di una buona lavastoviglie può partire da poco meno di 400 euro fino ad arrivare agli oltre 800 euro. Tutto dipende da noi…

 

Prezzi lavastoviglie Bosch

Il modello di lavastoviglie più economico del marchio Bosch è sicuramente la Bosch SMV40D30EE, il cui prezzo base parte da 280 euro. Il modello di lavastoviglie più caro di Bosch è invece la SMI69U35EUl che costa ben 1.300 euro.

 

Prezzi lavastoviglie Hotpoint Ariston

L’Hotpoint Ariston LST114, a 220 euro di media, è il modello più economico del marchio, mentre si arriva a 800 euro per ottenere una Hotpoint Ariston LFTA+ 52174 X.

 

Prezzi lavastoviglie Rex-Electrolux

La Rex-Electrolux TT390, modello molto popolare del gruppo, parte da un prezzo base di 267 euro, mentre un modello medio, come ad esempio una Rex-Electrolux TP611N si aggira sui 500 euro.

 

Prezzi lavastoviglie Whirpool

Whirpool è un marchio di successo per quanto concerne gli elettrodomestici, ma abbastanza economico. Una ADG7653 la possiamo acquistare a un prezzo medio di 350 euro, ma troviamo anche modelli leggermente più economici che partono da una base di 270 euro.

 

Prezzi lavastoviglie Candy

I due modelli più popolari della Candy sono la CDI2012 che costa in media 300 euro e la CDCF6E che parte da 230 euro.

 

Prezzi lavastoviglie altre marche

E poi c’è tutta una serie di altri marchi, più o meno noti, che producono lavastoviglie.

L’Indesit chiede dai 209 ai 320 euro per la sua DIF14, mentre la Smeg parte da un’offerta di 370 euro per la sua ST521. Il modello della Siemens, la SN66M097EU, parte da un prezzo lancio di 700 euro fino ad arrivare a 930 euro. Beko, marchio recente e molto economico, parte da un prezzo di 184 euro per il suo modello più venduto, la Beko DFN1503.