Archivi categoria: internet

Le web agency e la pubblicizzazione online

Prima di parlare di quali sono le figure più ricercate in una web agency dovremmo porci la seguente domanda: a cosa serve una web agency?
Per dare una risposta corretta, occorre sicuramente partire dalla definizione: le web agency sono aziende che possiedono una conoscenza approfondita del web e di ogni sua funzione. Queste agenzie, quindi, sono utilissime nella progettazione di siti web e nell’organizzazione di campagne di vendita online estremamente efficaci ed efficienti, e pertanto sono molto utilizzate sia dalle aziende nel campo del b2b che da quelle nel campo del b2b.

Se sei un imprenditore e vuoi farti conoscere dagli utenti del web, non c’è niente di meglio di una web agency qualificata che sappia pubblicizzare la tua attività.
Di chi si compone una web agency? E quali sono le figure principalmente richieste dalle agenzie del web? Scopriamolo assieme nel prossimo paragrafo.

 

Alcune delle figure maggiormente richieste nelle web agency

 

Dovendo svolgere lavori di pianificazione e posizionamento online, le web agency devono dotarsi di figure altamente qualificate, per evitare al cliente spese folli e spesso inutili per promuovere la propria attività. Tra esse troviamo:

– il SEO specialist: si tratta di un esperto nella creazione di contenuti e nella loro pubblicizzazione sui motori di ricerca; meglio i contenuti verranno pubblicizzati, e più visibilità il sito avrà sui principali motori di ricerca;

– il PAY PER CLICK specialist: essendo nata grazie alla grande capacità di AdWords di generare traffico in tempi più brevi rispetto alla SEO. Il consulente di AdWords, tuttavia, svolge un compito molto difficile, in quanto questa piattaforma richiede budget pubblicitari altissimi che impongono una gestione delle campagne pubblicitarie ottimizzata al massimo e per i continui aggiornamenti della piattaforma stessa, che impongono di restare sempre al passo con i tempi;

– il CONTENT MANAGER: quante volte ci è capitato di trovare un sito con contenuti poco originali o troppo banali? Il content manager, che si occupa della creazione di contenuti originali ed interessanti per gli utenti web, è la figura addetta alla risoluzione di questo problema.

Tecniche seo: cosa sono e come sfruttarle per la visibilità sul web

La visibilità su Internet è un elemento fondamentale per ogni azienda e business che voglia aumentare il traffico sul proprio sito, e di conseguenza l’ampiezza del pubblico di visualizzatori e delle entrate economiche. Ma costruire la propria popolarità sul web non è un’operazione improvvisata: esistono precise strategie di web marketing< /em> che mirano alla promozione di un sito aziendale in modo trasversale, dalla pubblicazione di articoli promozionali online allalink building, dalla diffusione sui social network alla scalata della lista dei risultati sui motori di ricerca. Questi elementi si combinano per influenzare il posizionamento del sito nelle pagine di ricerca. Infatti, il posizionamento del proprio sito nei motori di ricerca è discriminante per influenzare il numero di visitatori sul sito e ottenere riconoscimento su Internet. Il posizionamento su Google e affini è determinato dalla combinazione di una complessa serie di fattori che indicano ai motori di ricerca l’affidabilità del sito, la sua qualità, la sua popolarità, e la sua rete di link. Per cercare di migliorare questo posizionamento, si può ricorrere a una serie di strategie denominate tecniche seo, largamente impiegate dai professionisti dei servizi internet come le Web Agency. Seo è un acronimo inglese che significa Search Engine Optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca, e infatti le tecniche seo non sono altro che una serie di attività volte a migliorare il posizionamento di un sito nell’elenco dei risultati alle query degli utenti e a mantenerlo costantemente il più alto possibile.

Le tecniche seo sono utilizzate dalle principali Web Agency, come ad esempio le web agency milano, per promuovere siti web aziendali e professionali attraverso i motori di ricerca e sui principali social network, così da soddisfare tutte le esigenze delle aziende e ricavare il massimo profitto dai loro siti web. Con il supporto delle Web Agency, è possibile non solo realizzare siti web professionali e accattivanti che invoglino i visitatori alla navigazione, ma soprattutto analizzare i fattori che determinano il posizionamento della propria pagina fra i risultati di ricerca, in modo da studiare un piano per procedere alla scalata e raggiungere l’ambita prima posizione nei motori di ricerca. Lestrategie seo delle Web Agency partono da un’ottimizzazione on-page, sfruttano la link building, si muovono attraverso le condivisioni sui social media, e puntano a fornire sempre nuovi contenuti, per aumentare la visibilità e la presenza sulla rete.

Le tecniche seo si dividono in due gruppi: tecniche seo on-page, e tecniche seo off-page. Le tecniche seo on-page sono quelle che vengono messe in pratica durante la realizzazione del sito web, e si preoccupano che il sito raggiunga un certo standard di qualità adeguato all’indicizzazione sui principali motori di ricerca. Queste tecniche on-page cercano di rende il sito il più accessibile e immediato possibile per l’utente, assumendo un approccio user friendly che elimini ogni possibile ostacolo fra utente e contenuto web. Nella pratica, le tecniche seo on-page si occupano di evitare che si siano errori o dimenticanze nello sviluppo del sito, ottimizzandolo nel suo complesso per la ricerca e migliorandone le prestazioni. La seo on-page si dirama in tante strategie diverse, partendo dall‘ottimizzazione del codice HTML del sito arrivando fino all’analisi quantit ativa e qualitativa di dati e informazioni contenuti nelle pagine, e non da ultimo preoccupandosi di inserire una o più parole chiave che vengano riconosciute dai motori di ricerca. Invece, le tecniche seo off-page si occupano delle visite al sito, gestendo i link in ingresso (detti inbound link o backlink). Questi collegamenti non sono solitamente controllati in modo diretto dal proprietario e realizzatore del sito, perché sono dei link e riferimenti collocati su pagine ospiti di altri autori al di fuori del sito di proprietà, ma con le tecniche di seo off-page è possibile orientare e influenzare anche questi fattori esterni. Le tecniche seo off-page utilizzano una serie di strategie, quindi, che puntano ad aumentare il numero di link in entrata verso il sito di proprietà dell’autore e a espanderne la rete di collegamenti. Fra queste, le strategie principali sono l’article marketing (ovve ro la pubblicazione di post pubblicitari online su siti specializzati e di categoria), la link building (rafforzamento del numero dei link, inserendo link nel maggior numero possibile di risorse esterne così da aumentare la link popularity conteggiata dai motori di ricerca), e il social sharing (la condivisione di informazioni e collegamenti alla pagina attraverso social network).”

Babelgum, la tv mobile è pronta per l’America


La Internet tv sta uscendo dal pc ma prende due direzioni opposte: verso il televisore sui collegamenti a banda larga sulla rete fissa; verso gli smartphone nel caso della banda larga wireless. E se la crescita dell’Iptv è ormai un dato di fatto registrato su tutti i mercati, la novità viene dalla tv sui terminali mobili. E la novità si chiama Babelgum: la Web Tv ideata da Silvio Scaglia e guidata da Valerio Zingarelli che da meno di un mese ha lanciato in Italia e in Gran Bretagna la sua versione per i telefonini.
Si autodefinisce una «no pay» tv sul mobile e ha obiettivi e un modello di business completamente diversi da quanto visto fin qui in termine di tv sui cellulari. Fin qui parlando di «mobile tv» si è parlato di Dvbh: che utilizza le frequenze della normale tv digitale terrestre e viene ricevuta solo sui terminali attrezzati con un apposito chip. Nel Dvbh, così come lo hanno lanciato Tre, Vodafone e Tim (ma è così anche negli altri mercati) si vedono fondamentalmente dei canali come quelli del televisore di casa. E di fatto sono più o meno anche gli stessi: Rai, Mediaset, i tg di Sky, più qualche assemblaggio ad hoc (la Tre ha un canale tutto suo), ma in sostanza sono palinsesti quotidiani sui quali di quando in quando si possono inserire anche singoli eventi.
Il modello scelto da Scaglia e Zingarelli è invece più simile ad Internet e, in qualche modo, a YouTube.

 

Continua a leggere l’articolo di STEFANO CARLI sul supplento di Affari e Finanza di Repubblica


Salva con nome: “Internet rights”

 

Salva con nome: “Internet rights”. Diritto alla connettività, all’anonimato, all’uso libero della rete. Ne parliamo con il giurista Guido Scorza.