Archivi categoria: Casa

Qual è la migliore stagione per un trasloco?

Se avete il lusso di poter scegliere il momento dell’anno in cui cambiare casa, può essere ragionevole domandarsi in tempi non sospetti se sia meglio spostarsi di abitazione durante l’inverno, l’autunno, l’estate o la primavera. Ma quale è la risposta giusta? Per saperlo abbiamo domandato agli esperti della pagina di traslochi Roma prezzi: leggete con noi per saperne di più!

Inverno

Evidentemente, da un punto di vista meramente climatico, l’inverno è il periodo peggiore dell’anno per cambiare casa. L’imprevedibilità della stagione invernale è d’altronde una ragione sufficiente per indurre le persone a rinviare l’operazione in un contesto climatico più favorevole. Tuttavia, è anche vero che si può avere la fortuna di avere un clima mite proprio nel giorno del trasloco, rendendo dunque questa operazione più piacevole rispetto alla torrida estate.

In tal senso, non sfugge però come il freddo sia sgradevole per voi e per chi si occuperà del trasloco, e come le caratteristiche temperature sotto zero possono anche danneggiare alcuni degli oggetti più delicati che state portando con voi. Di contro, generalmente le tariffe delle società di trasloco durante questo periodo dell’anno tendono ad essere mediamente più basse.

Primavera e Autunno

Come intuibile, il momento migliore per trasferirsi di casa dipende dalle circostanze personali ma… la maggior parte degli esperti di trasloco concordano sul fatto che la primavera e l’autunno siano probabilmente le stagioni migliori per traslocare casa.

Prima di tutto, in questi frangenti le condizioni meteorologiche dovrebbero essere molto più miti, soprattutto se ci si sposta durante la metà o la tarda primavera, o all’inizio e metà autunno. Quindi, dimenticate il freddo gelido, la neve e il ghiaccio, così come l’afa e il clima torrido di piena estate.

In secondo luogo, così facendo il vostro trasloco cadrà fuori dalla stagione di picco dei traslochi, da inizio maggio a fine settembre. Dovreste pertanto essere in grado di approfittare delle migliori offerte di trasferimento, con prezzi più bassi, e di una maggiore disponibilità in termini di calendario.

Estate

Chiudiamo infine con l’estate, la stagione più popolare per il trasloco e… non un caso! Il tempo estivo è generalmente quello più opportuno, garantito per essere buono a meno che non siate abbastanza sfortunati da dover traslocare in giornate estremamente calde o nel bel mezzo degli acquazzoni estivi.

Inoltre, in estate è molto più facile ottenere alcuni giorni di ferie per rivolgere la massima attenzione alle proprie esigenze di trasferimento. Se avete bambini a scuola, spostarsi in estate sarà un buon momento per loro di cambiare istituto proprio grazie alla pausa estiva.

Insomma, sebbene molto dipenda delle vostre esigenze e possibilità personali, se avete la fortuna di poter scegliere quando cambiare casa, l’importante è evitare il pieno inverno e la piena estate, che a causa del clima poco favorevole potrebbero pesare eccessivamente sulla bontà delle operazioni. Meglio invece posizionarsi all’inizio o alla fine dell’estate, in prossimità della primavera o dell’autunno, quando si potrà fruire del giusto mix tra condizioni, clima e disponibilità di favore.

L’efficienza dei nuovi infissi in pvc con l’arrivo dell’estate

Con l’arrivo dell’estate si cominciano a fare i conti con il caldo afoso che rende impossibile le giornate. I più accorti acquistano condizionatori e tende da sole che rendono meno calde le temperature interne degli ambienti abitativi.

Una scelta definitiva ed economica è costituita dai nuovi infissi in pvc che con l’arrivo dell’estate mostrano la loro efficienza.

 

Efficienza e isolamento degli infissi in Pvc

 

La caratteristica principale degli infissi in pvc di ottima qualità come quelli Oknoplast è data dal perfetto isolamento termico e acustico che impedisce al calore esterno di entrare e al fresco generatosi all’interno dell’ambiente abitativo di uscire.

L’efficienza dei nuovi infissi in PVC con l’arrivo dell’estate renderanno la casa un luogo ideale dove rigenerarsi una volta affrontata la calura esterna.

Una volta montati i nuovi infissi in PVC Oknoplast, gli ambienti abitativi domestici o di lavoro, saranno perfettamente protetti dagli agenti atmosferici esterni.

 

Non solo estate: l’utilità degli infissi in PVC non si esaurisce con il finire dell’estate.

Gli infissi in Pvc, quando sono ideati e creati da professionisti del settore come quelli Oknoplast che utilizzano materiali di qualità, non si limitano a isolare termicamente gli interni durante il periodo estivo perché la loro efficienza si estende alla protezione da tutti gli agenti atmosferici e acustici esterni.

Gli infissi in PVC sono leggeri ma al contempo molto resistenti e ideali anche per ambienti di mare perché resistenti anche alla salsedine oltre che alla pioggia.

Tutti gli infissi in PVC Oknoplast sono curati anche nell’estetica che risponde alle esigenze degli utenti più attenti ai dettagli.

È possibile selezionare i nuovi infissi in PVC tra i tanti presenti nella vasta gamma a disposizione del cliente che può selezionare la finestra, la portafinestra o la porta nelle dimensioni, forme e colori che meglio si adattano all’abitazione nella quale dovranno essere montati.

Con i nuovi serramenti non si dovrà più temere di soffrire il caldo e soprattutto, grazie alla qualità eccezionale dei materiali di composizione, il risparmio sarà garantito.

Scegliere un camino a bioetanolo o elettrico invece di quello tradizionale

Un camino a bioetanolo scalda con la potenza di un caminetto tradizionale, è capace di evocare la stessa atmosfera magica e accogliente, ma è più conveniente, più indicato per la salute e non sporca.

 

Questo perché il bioetanolo è un alcol ecologico, derivante da composti vegetali.

Durante la combustione, che avviene sempre al di sotto dei 400 °C, non vengono emessi fumi nocivi, odori pungenti o fuliggine, gli unici prodotti di scarto sono vapore acqueo e anidride carbonica, in una quantità pari a quella che emanerebbero due candele.

 

Quindi un caminetto di nuova generazione può essere usato da chiunque, dato che per acquistarlo è possibile spendere anche meno di 50 euro, e che per utilizzarlo, non è necessario il collegamento alla canna fumaria.

Sicure, poco inquinanti e inodore, i camini a bioetanolo non necessitano nemmeno di allacciamento all’impianto a gas o alla rete elettrica; sono facili da montare e i modelli sono davvero tantissimi: da quello piccolo e ad incasso a quello di design realizzato con materiali pregiati, e da quello ipertecnologico con telecomando e sistema domotico inclusi a quello movibile, per trasportarlo agevolmente in tutte le stanze.

 

La capacità di riscaldamento di una stufa a bioetanolo è particolarmente elevata, dato che in un ambiente di 40/50 metri quadri è in grado di portare la temperatura verso livelli ottimali in brevissimo tempo, con un aumento di circa 10 gradi ogni ora.

 

Discorso simile anche per i caminetti elettrici: indicati per chiunque voglia avere in casa un apparecchio dalle linee raffinate ma che irradi calore senza l’ausilio della combustione. Inoltre, grazie ad un sistema di telecontrollo completamente automatizzato, il camino elettrico è anche in grado di mantenere la temperatura desiderata per tutto il tempo che occorre.

 

Le tipologie e i modelli sono molteplici: un caminetto moderno può essere così sottile e leggero da essere appeso alla parete come un quadro.

Il calore viene diffuso grazie a due resistenze, il cui effetto fiamma viva di lampadine o fibra ottica è variabile a piacimento, anche nel colore.

Alcuni caminetti elettrici arrivano completi di sistema di riscaldamento decentralizzato rispetto alla visione della fiamma, cosicché quest’ultima possa essere utilizzata solo nel suo aspetto piacevolmente decorativo, soprattutto quando non si abbia la necessità di riscaldare l’ambiente.

In più, molti caminetti elettrici sono dotati di ionizzatore, sono in grado cioè di migliorare la qualità dell’aria ove siano presenti soggetti allergici.

 

Per far funzionare un finto camino, è sufficiente collegarlo alla presa elettrica; non necessita di un sistema di ventilazione, e non funzionando a combustione può essere installato laddove una stufa tradizionale non potrebbe, ad esempio in camera da letto o in una stanza priva di finestre.

Sfatiamo alcuni miti sulle case in legno

In Italia nel corso del 2015 si sono registrate delle statistiche interessante per quanto riguarda il settore delle case in legno. Numeri in ascesa, un fatturato in continua crescita, un indotto vastissimo di aziende e sempre più italiani che scelgono una casa in legno, soprattutto nelle regioni di Trentino Alto Adige, Veneto e Lombardia. Basti pensare che attualmente in numero di nuovi edifici costruiti in legno in Italia è raddoppiato rispetto a solo qualche anno fa. Se molti italiani si sono lasciati conquistare da questa nuova metodologia costruttiva dall’altra esiste ancora molta ignoranza in materia e soprattutto molti falsi miti, falsi miti che cercheremo di sfatare insieme all’azienda Friul Wood House, esperta nella costruzione di case in Legno in Friuli.

La prima cosa da dire è che le case in legno sono case a tutti gli effetti. Facciamo questa precisazione, che risultare banale in quanto molti credono che le case in legno abbiano carattere temporaneo o siano decisamente spartane, alla stregua di baite e bungalow. Le case in legno però sono case vere e proprie e sono soggette alla stessa normativa relativa alle case in latero cemento. Per la loro realizzazione infatti sarà necessario avere a disposizione un terreno classificato come edificabile ed ottenere tutte le concessioni edilizie normalmente richieste.

La seconda cosa che spaventa è la resistenza al fuoco delle case in legno. Le case in legno presentano la stessa resistenza al rispetto alle case in mattoni e in caso di incendio riportano gli stessi danni. Questo perché il legno con il quale vengono edificate queste case viene trattato affinchè risulti più resistente.

La terza cosa da chiarire è la resistenza ai terremoti. Le case in legno grazie all’elasticità e alla leggerezza di questo materiale riesce a resistere ad eventi sismici anche di intensa portata. Non dimentichiamoci comunque che le case in legno sono comunque dotate di fondamenta costruite in cemento.

Senza contare che le case in legno sono caratterizzate da un ottimo isolamento termico ed acustico garantendo un ambiente domestico salubre e confortevole.

Insomma alte prestazioni energetiche, durevolezza nel tempo e stesse possibilità di personalizzazione delle case in muratura tradizio